Cronaca       Pubblicata il

Trento, uomo uccide a martellate i suoi bambini di 4 e 2 anni e mezzo e poi si suicida


Trento, uomo uccide a martellate i suoi bambini di 4 e 2 anni e mezzo e poi si suicida


Un inizio settimana davvero da incubo è quello che ha caratterizzato la giornata di oggi, lunedì 27 marzo 2017, a causa della morte di due fratellini di 2 anni e mezzo e 4 anni trovati privi di vita all'interno dell'appartamento in cui vivevano insieme ai genitori e ad una sorellina più grande. La terribile vicenda ha avuto luogo per essere più precisi  in un appartamento nel nuovo quartiere delle Albere a Trento,e stando a quanto emerso dalle prime indiscrezioni sarebbero stati uccisi a martellate dal loro papà che successivamente, stando a quella che è una prima ricostruzione della vicenda effettuata dagli investigatori, si sarebbe tolto la vita gettandosi nel vuoto. Gabriele Sorrentino, era questo il nome del padre dei due bimbi trovati morti, lavorava a Trento come operatore finanziario ed in passato era stato anche carabiniere in servizio a Riva del Garda.

Nella mattina di oggi era rimasto in casa con i suoi piccoli mentre invece la moglie, come ogni giorno, era uscita per andare a lavorare ma quando è tornata a casa si è trovata davanti ai corpi privi di vita dei suoi bambini assassinati a colpi di martello mentre invece del marito, papà delle piccole vittime, non vi era alcuna traccia. Sara Failla ha così immediatamente lanciato l'allarme e sul posto in cui è avvenuta la tragedia ovvero al civico 17 di via della Costituzione a Trento sono subito intervenuti i soccorsi e le forze dell'ordine che a loro volta hanno subito dato inizio alle ricerche dell'uomo.

Poco dopo l'automobile di quest'ultimo è stata trovata poco distante dalla città ovvero a Sardagna e proprio ai piedi di una scarpata è stato trovato il corpo privo di vita dell'uomo che, dopo aver ucciso i suoi bambini ha deciso di scrivere per sempre la parola fine anche alla sua vita gettandosi da una roccia. Al momento non sembrerebbe essere ancora chiaro cosa abbia spinto l'uomo a compiere il folle gesto e ancora non risulta che l'uomo fosse in cura per fatti depressivi. Uno dei vicini di casa della coppia ha raccontato "Il padre dei due bimbi mi aveva detto pochi giorni fa che stava per firmare il rogito per l'acquisto della casa. Non avrei mai pensato che Gabriele avrebbe potuto fare una cosa del genere, sembravano la famiglia del Mulino Bianco. Qualche volta ci si incontrava sulla strada e Gabriele sembrava una bellissima persona, una persona che adorava i suoi bambini".

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic