Cronaca       Pubblicata il

Sul Gargano è stato fermato un gommone carico di 1tonnellata di marijuana


Sul Gargano è stato fermato un gommone carico di 1tonnellata di marijuana


Sul Gargano è stato bloccato un gommone che trasportava un grosso carico di marijuana. L'operazione diretta dalle Fiamme Gialle è successa lunedì scorso, unità aeronavali del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari con la partecipazione del Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto hanno individuato un’imbarcazione con un carico di astucci normalmente adoperati per il confezionamento di sostanze stupefacente, che viaggiava verso le coste italiane.

I trafficanti sono stati avvicinati dalle unità navali del Corpo al largo del Gargano. I delinquenti, che si trovavano sul gommone, questi sorpresi dai finanzieri, hanno tentare di trovare una via d’uscita, mentre nel frattempo si sono svincolati della carico di droga buttandola in mare.

Le Fiamme Gialle sono arrivati ad attaccare il gommone a una ventina di miglia al largo di Vieste. Nel gommone sono stati trovati due soggetti ancora con diversi pacchi contenti marijuana.

Il mezzo adoperato per l’illecito commercio, è un canotto lungo 7 metri con due importanti motori fuoribordo, questo è stato attraccato presso la Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Manfredonia e confiscato.

Gli scafisti, D.B. 31 anni e V.T. di 18 anni, ambedue albanesi, sono stati trattenuti per detenzione e traffico internazionale di stupefacenti e sono a disposizione della locale Autorità Giudiziaria. La marijuana ritrovata è stata requisita dai finanzieri era imballata in 42 colli di varie dimensioni del peso complessivo di 814,60 kg.

In queste ore in collaborazione con le Autorità di Polizia albanesi, per il tramite del Nucleo di Frontiera Marittima della Guardia di Finanza di stanza a Durazzo, si stanno approfondendo le indagini con il la partecipazione del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia del Ministero dell’Interno italiano, per cercare d’ identificare altri responsabili di questo carico di traffico di marijuana.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic