Attualita       Pubblicata il

Eutanasia, Dj Fabo in Svizzera pone fine alla sua vita: l'annuncio di Marco Cappato su Twitter


Eutanasia, Dj Fabo in Svizzera pone fine alla sua vita: l'annuncio di Marco Cappato su Twitter


Una notizia davvero molto triste e che sta lasciando senza parole sempre più persone nelle ultime ore riguarda la morte del giovane Fabiano Antoniani, il dj di appena 39 anni noto semplicemente come dj Fabo diventato cieco e tetraplegico in seguito ad un grave incidente stradale nel quale è rimasto coinvolto alcuni anni fa ed esattamente nell'estate del 2014. Dopo essersi sottoposto, nel corso degli anni trascorsi dal giorno dell'incidente ad oggi, a numerose terapie senza però ottenere alcun esito positivo ecco che dj Fabo ha deciso di scrivere per sempre la parola fine alla sua vita e per essere più precisi ha scelto di andare a morire in Svizzera nella clinica Dignitas di Forck, a una decina di chilometri da Zurigo dove si è sottoposto al suicidio assistito. Ad annunciare la sua morte è stato Marco Cappato, dell'associazione Luca Coscioni il quale attraverso il suo account Twitter ha affermato "Fabo è morto alle 11.40. Ha scelto di andarsene rispettando le regole di un Paese che non è il suo". Al momento della sua morte però dj Fabo non era da solo ma al suo fianco ad accompagnarlo in quest'ultimo viaggio vi erano la mamma, la fidanzata e alcuni amici che insieme a Marco Cappato lo hanno raggiunto in clinica alcune ore dopo il suo arrivo.

A raccontare gli ultimi istanti di vita di dj Fabo è stato proprio Marco Cappato il quale ha nello specifico raccontato "Ha morso un pulsante per attivare l'immissione del farmaco letale: era molto in ansia perché temeva, non vedendo il pulsante essendo cieco, di non riuscirci. Poi però ha anche scherzato" e a proposito di se stesso Cappato ha annunciato che una volta rientrato in Italia provvederà ad autodenunciarsi per il reato commesso ovvero quello di aiuto al suicidio e a tal proposito Cappato ha sottolineato di essere pronto ad assumersi le dovute responsabilità.

E a proposito di ciò si è inoltre espressa proprio Filomena Gallo, segretaria della'associazione Coscioni la quale nel corso di un'intervista concessa proprio nella giornata di oggi a Sky Tg24 ha sottolineto come Cappato rischia fino a 12 anni di carcere sottolineando inoltre come molte persone si trovano costrette ad emigrare per ottenere l'eutanasia mettendo anche in luce un secondo aspetto molto importante ovvero quello legato ad un fattore economico in quanto il fatto di emigrare per ottenere l'eutanasia può costare fino a 10 mila euro.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic