Attualita       Pubblicata il

Gargano: Trovato corpo do donna, e' stata bruciata viva


Gargano: Trovato corpo do donna, e' stata bruciata viva


Potrebbe essere stata bruciata viva la ragazza nigeriana il cui cadavere è stato trovato, ieri mattina, in un vigneto a circa 600 metri dal Cara, il Centro di accoglienza per richiedenti asilo di Borgo Mezzanone. E' una delle ipotesi degli inquirenti visto che il medico legale non avrebbe riscontrato segni evidenti di violenza. Sarà necessario, comunque, effettuare l'autopsia per avere la certezza delle cause della morte della giovane africana. Ma tutto lascia presupporre l'orrore che sarebbe avvenuto in quel vigneto nella notte tra venerdì e sabato. Il corpo della giovane donna giaceva, in posizione fetale, semi carbonizzato e seminudo. A scoprirlo un ospite del Cara mentre stava percorrendo il tratturo che ogni giorno i migranti fanno per raggiungere la borgata. I carabinieri hanno ascoltato numerosi migranti che avrebbero fornito alcuni nomi sulla donna. Nomi che, nelle prossime ore, saranno al vaglio dei sistemi informatici delle forze dell'ordine e comparati con le impronte digitali prese dalla vittima. Intanto tutti avrebbero confermato che si tratta di una nigeriana di venti anni che viveva nell'accampamento realizzato sulla ex pista di volo dell'ex aeroporto militare da tempo diventato un centro di accoglienza.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic