Tecnologia       Pubblicata il

Facebook : se un iscritto si trova in zona a rischio gli viene chiesto se va tutto bene


Facebook : se un iscritto si trova in zona a rischio gli viene chiesto se va tutto bene


UN SOCIAL network dà il meglio di se quando - in occasioni di disastri naturali - si occupa di aiutare chi è rimasto colpito fisicamente dall'evento, di cercare persone scomparse e quindi rassicurare amici e parenti che una certa persona che si trova in zona a rischio sta bene. Facebook lo sa già visto che in occasione del terremoto in Giappone creò nel giro di qualche ora il Disaster Message Board, una pagina dove le persone coinvolte potevano ritrovarsi. Adesso il social fa qualche passo in più. All'indomani del terremoto in Nepal ha lanciato una nuova funzione che si chiama Safety Check, una funzione potentissima considerando che sfrutta la connessione tra il miliardo e 400 milioni di iscritti.


Naturalmente tutto si basa sulla geolocalizzazione. Se un iscritto al social network viene individuato nell'area di un particolare disastro, Facebook le manda un messaggio chiedendo se è tutto ok, se sta bene. E' il Safety check. La risposta positiva al messaggio (basta premere il pulsante "sto bene") va automaticamente a inserirsi nel proprio profilo Facebook e quindi viene letto da tutti gli amici, i parenti e, se l'account è aperto, da chiunque voglia avere notizie su una certa persona. Non solo. "Ti informeremo - aggiunge il social - quando gli amici dicono di stare bene. Puoi anche controllare la lista degli amici che potrebbero trovarsi nella situazione d'emergenza". Una funzione semplice, geniale e, soprattutto, utilissima.

L'annuncio è arrivato dalla stesso Zuckerberg sul suo profilo Facebook, dove si legge:  "È un modo semplice per avvisare la famiglia e gli amici che stai bene. Se ti trovi in una delle zone colpite dal terremoto, rispondi alla domanda e tutte le persone con cui sei in contatto avranno tue notizie. Quando accadono i disastri la gente ha bisogno di sapere che i propri cari sono al sicuro. È in questi momenti che essere in grado di connettersi conta davvero".

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic