Mondo       Pubblicata il

Voleva suicidarsi, lo annuncia su facebook e viene salvata grazie al Social


Voleva suicidarsi, lo annuncia su facebook e viene salvata grazie al Social


Dopo un’ora di angoscia, a Monza una donna è stata salvata da un possibile suicidio annunciato via Facebook. La signora Marisa, in preda allo scoramento, la sera del 25 aprile ha infatti postato sul social network l’intenzione di farla finita, anche per ragioni di ordine economico. Ex docente in pensione, un reddito di 1.200 euro al mese ormai insufficiente ad acquistare le medicine e a mantenere anche il suo cagnolino Charlie, unica compagnia, la donna ha lanciato un ultimo disperato appello sulla pagina del gruppo Facebook “Sei di Monza se”, a cui partecipava da tempo. Un appello che non è rimasto vano. La community si è attivata ed è partita la caccia all’indirizzo della signora. Decine all’inizio, poi centinaia di commenti: attestazioni di solidarietà, appelli a non compiere gesti avventati. Una gara di solidarietà tra i membri dei gruppi monzesi che in pochi minuti hanno trovato le coordinate e avvisato le forze dell’ordine. I pompieri, entrati dalla finestra, l’hanno portata fuori. La signora Marisa stava bene. L’intervento delle forze di polizia, congiuntamente ai vigili del fuoco, si è reso necessario per garantirne l’incolumità. Successivamente è iniziata la corsa per la ricerca di un posto di lavoro e l’organizzazione di collette di beneficienza in favore della donna.

Alla fine, la signora Marisa ha pubblicato un nuovo post, appena tornata a casa: «Grazie mille a tutti voi! Quando ho scritto quel post, ero disperata. Ma mi sono accorta che mi siete stati tanto vicini e che ho tanti amici reali. Sono tornata a casa mezz’ora fa, prelevata al pronto soccorso da Francesca Bianco e dal Signor Alberto Arosio. Tutto a posto, per fortuna! Sono stata indirizzata alla struttura che può aiutarmi sia psicologicamente, che economicamente. Charlie (il suo cane, ndr) è stato affidato da Francesca in ottime mani e lo riporterò con me martedì. Buona notte a tutti. Marisa». Scampato il pericolo, il gruppo festeggia virtualmente: l’idea è quella di continuare a restare vicino a Marisa sia dal punto di vista morale, sia da quello materiale, con raccolte di fondi per coprire le spese sanitarie e inviti ai sanitari perché prestino cure gratuite o a poco prezzo alla donna. Nella mattinata di domenica 26 aprile sulla pagina “Sei di Monza se” è intervenuto anche il fratello della donna che, ringraziando la community per l’aiuto prestato, ha ricordato come la situazione di indigenza della sorella sia l’effetto di scelte sbagliate sulla gestione di un “consistente patrimonio” e del rifiuto di farsi aiutare da chi le stava più vicino.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic