Cronaca       Pubblicata il

Abusi nel Santuario di Padre Pio a San Giovanni Rotondo Video Frati di San Giovanni Rotondo. Le iene 17 Aprile 2015


Abusi nel Santuario di Padre Pio a San Giovanni Rotondo Video Frati di San Giovanni Rotondo. Le iene  17 Aprile 2015


Lo scorso 26 marzo la Iena Matteo Viviani aveva realizzato un servizio su Anna, una donna vittima di abusi da parte di alcuni frati, e laici, del santuario dedicato a Padre Pio di San Giovanni Rotondo in cui lavorava. In seguito al reportage di Viviani i cittadini del piccolo paese, e i fedeli di Padre Pio, si sono mossi in branco con manifestazioni e processioni in difesa dei monaci e del santuario come se Le Iene avessero infangato il nome del Santo. Anche i tg regionali si sono schierati, e non di certo dalla parte di Anna, nonostante la donna, in seguito alla sua denuncia, sia stata demansionata (spostata in un piccolo stanzino a piegare depliant e costretta a subire mobbing). Viviani, con un nuovo servizio, ha continuato la sua lotta, in nome della sua protetta che dopo la esperienza si è ammalata di fibromialgia ed è stata costretta a prendersi un periodo di riposo, finché nel 2013 viene licenziata per giusta causa. La Iena torna sul luogo e intervista anche la Madre Superiore che, seppur sconvolta dallo storia di Anna, commenta così l’accaduto "È un monastero importante, non è che può nascere uno scandalo proprio lì. Di storie se ne sentono da tantissimo tempo, comunque. Da molto prima che denunciassi tu la cosa...".

 

Ma la storia, pur pregna di omertà, non finisce così e spuntano alcuni retroscena: esce fuori un giro di foto rappresentano Anna stessa e un prete e in un’intercettazione uno di loro chiede alla donna "Cosa ci guadagneresti a far uscire tutto il marciume che c'è qui dentro? ". E inoltre, i Frati Francescani, che per antonomasia dovrebbero vivere in povertà, sono circondati e viziati dal lusso più sfrenato. Il succo di questa storia, pericolosa come l’idea che la religione sia davvero in grado di diventare l’oppio dei popoli, è lo spunto per aprire una riflessione più ampia: cosa c’entra tutta questa violenza, tutto questo benessere superfluo e i ricatti (morali e non) che sono avvenuti all’ombra del santuario di Padre Pio con gli ideali che il santo ha lasciato in eredità?

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic