Politica       Pubblicata il

Angelo Cera dà fiducia a Pompilio.


Angelo Cera dà fiducia a Pompilio.


L’idea per riproporre il governo del sindaco Luigi Pompilio sarebbe un governo tecnico che scongiuri la fine anticipata della consiliatura affrontando alcune questioni urgenti su Imu, turismo, infrastrutture. I partiti della federazione (Scelta civica, Udc e Psi) non hanno trovato l’accordo per mettere la parola fine al mandato di Pompilio raccogliendo le firme e, del resto, erano emerse subito delle divergenze tra la scelta del pd, che auspicava il commissario prefettizio e le elezioni, con alcuni consiglieri del medesimo partito, titubanti su questa decisione. Il cambio di scenario contrario al primo cittadino vede attualmente 11 consiglieri di minoranza-opposizione e 5 di maggioranza, con la giunta azzerata per un eventuale rimpasto. Da qui la possibilità di un esecutivo tecnico che però non convince tutti i partiti, anche quelli della federazione.

L’onorevole Angelo Cera, sindaco di San Marco in Lamis, non ritiene che sia favorevole al paese un lungo commissariamento: “Il mandato deve proseguire fino a sua naturale scadenza, il 2015. La città non può andare a votare, né essere mortificata per gli interessi di qualcuno. Sta vivendo una forte crisi sociale, del turismo religioso, del lavoro. Circa le scelte del Pd, non mi interessano, ognuno le fa a casa propria. L’Udc rimarrà in questa  maggioranza e non firmerà per la sfiducia al sindaco”.


Sulla sua pagina facebook, inoltre, esorta le forze politiche a tracciare “un percorso comune che abbia come fine il bene della città e non le ambizioni personali di qualcuno”. Non specifica chi, ma si presume chi è orientato alle elezioni. Già qualche mese fa l’Udc è entrata in maggioranza per salvare il sindaco in grave difficoltà con i numeri a suo sostegno. Dunque si prosegue. Intanto il Pd col suo segretario cittadino Masciale fa sapere che non c’è alcuna spaccatura nel partito. Alla riunione per discutere delle dimissioni, il consigliere Antonio Santoro non era presente. Deciso il suo no a questa amministrazione, in linea con la segreteria provinciale.

Torna indietro
Stampa
powered by: mediaweb-grafic